30Gen
2013
mostro-ciambelle

Il mostro delle ciambelle

Fiaba di: La nave di Clo

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Sapete perché le ciambelle hanno il buco? È una storia molto antica, che i pasticceri tengono segreta…

Tanto tempo fa esisteva un mostro assai dispettoso e molto, molto goloso, che prendeva d’assalto le cucine dove si preparavano dolci: entrava di soppiatto, e… GNAM!!! Biscotti, torte farcite, budini, caramelle, cioccolatini, cornetti…  Divorava tutto con grande avidità.

A quel tempo, le ciambelle erano dei soffici panini pieni di un ripieno squisito, il più buono mai creato al mondo, che a dire il vero era anche il preferito del mostro.

Ogni volta che i pasticceri tornavano in cucina non trovavano più niente, così con i clienti dovevano inventare mille scuse e dire che non c’era nulla da vendere.

Temendo di rimanere senza lavoro, i più grandi Mastri Pasticceri si riunirono per trovare una soluzione. “Non si può continuare così! Dobbiamo fare qualcosa!”.

Clicca su “Leggi tutto” per la video fiaba!

La video fiaba

Il testo originale

Sapete perché le ciambelle hanno il buco? È una storia molto antica, che i pasticceri tengono segreta…

Tanto tempo fa esisteva un mostro assai dispettoso e molto, molto goloso, che prendeva d’assalto le cucine dove si preparavano dolci: entrava di soppiatto, e… GNAM!!! Biscotti, torte farcite, budini, caramelle, cioccolatini, cornetti…  Divorava tutto con grande avidità.

A quel tempo, le ciambelle erano dei soffici panini pieni di un ripieno squisito, il più buono mai creato al mondo, che a dire il vero era anche il preferito del mostro.

Ogni volta che i pasticceri tornavano in cucina non trovavano più niente, così con i clienti dovevano inventare mille scuse e dire che non c’era nulla da vendere.

Temendo di rimanere senza lavoro, i più grandi Mastri Pasticceri si riunirono per trovare una soluzione. “Non si può continuare così! Dobbiamo fare qualcosa!”.

Chiamarono allora il mostro goloso e minacciarono che se non fosse sceso a patti con loro non avrebbero più cucinato neanche un dolce.Impaurito, il mostro chiese pietà, e accettò di fare un patto coi pasticceri di tutto il mondo. Essi gli dissero: “Scegli la cosa che ti piace di più”. Il mostro ci penso un po’ su, poi esclamò: “Il ripieno delle ciambelle!”.Allora i pasticceri risposero: “Bene. Potrai avere il ripieno di tutte le ciambelle del mondo, ma in cambio non toccherai più gli altri dolci e li lascerai a noi”.Sconsolato, il mostro accettò. Da quel giorno, ogni volta che una ciambella viene cucinata il mostro arriva e la buca, per succhiare via tutto il ripieno squisito e riempirsi il pancino; ma gli altri dolci non li tocca, nossignore! È così che i pasticceri hanno inventato nuovi modi di guarnire le ciambelle: zucchero, glassa, canditi… Ma ahimè, le ciambelle non sono più speciali come una volta, senza il loro ripieno.

Se vi capita ogni tanto di trovare una fetta in meno di torta a casa, o di non trovare più le caramelle che avevate comprato, non temete: è il mostro delle ciambelle, che quatto quatto, di nascosto dai pasticceri, assaggia qualche dolcetto proibito…

***

Le fiabe de “La nave di Clo” scritte da Bambù con Marzia Scala.

Con la partecipazione straordinaria del mostro delle ciambelle.

Testo di di Matteo Micci per gentile concessione dell’autore e di Absolutely free edizioni.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura