26Nov
2018

Sivvy e il giardino delle delizie

Fiaba di: Towii

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

In un tempo lontano viveva nella foresta di Clannad una strega buona, così buona da essere considerata la pecora nera della famiglia. Le sue sorelle Mandy e Livy erano il vanto della famiglia, tanto brutte quanto antipatiche e non facevano altro che prendere in giro Sivvy, così si chiamava la nostra strega buona, tormentandola con mille scherzetti.

Un giorno mentre Sivvy passeggiava nella foresta le venne incontro una farfalla che le chiese la cosa più incredibile mai sentita.

“Buongiorno mia cara” disse la farfalla “credo di essermi persa…puoi aiutarmi?”

“Certo” rispose Sivvy “di cosa hai bisogno?”

“Mi chiamo Patty e sto viaggiando da giorni per raggiungere le mie sorelline nel giardino delle delizie…lo conosci?”

Sivvy non aveva mai sentito parlare di quel posto, eppure viveva in quella foresta da quando era bambina.

“Mi spiace non ne ho mai sentito parlare, ma se mi dici qualcosa in più posso aiutarti a trovarlo! Scusa, non mi sono ancora presentata, io sono Sivvy.”

“Ciao Sivvy, grazie sei molto gentile. Si tratta di un grande giardino pieno di fiori, ma non fiori normali…sono fiori di caramelle, lecca-lecca, cioccolatini, fragranti biscotti e tante altre delizie! Ecco perchè si chiama il giardino delle delizie!”

Mentre Patty parlava la nostra amica strega non riusciva a credere alle sue orecchie. Un giardino in cui sbocciano fiori di caramelle, lecca-lecca, cioccolatini e deliziosi biscotti? Nella sua foresta c’era un giardino simile e lei non lo aveva mai saputo? Incredibile! Nella sua testa si stava già facendo avanti anche un’altra idea. Se fosse riuscita a trovare quel giardino magari avrebbe potuto “cogliere” qualche dolcetto bizzarro per la festa di Halloween che la sua famiglia stava organizzando e finalmente le sue sorelle avrebbero smesso di prenderla in giro dicendo che era una buona a nulla! Chissà se quei fiori si potevano cogliere e soprattutto – dov’era quel giardino?

“Ascolta Patty, io non ho mai saputo della sua esistenza…ma se lo trovassimo, credi sia possibile raccogliere qualche dolcetto in questo giardino?”

“Ma certo” rispose la farfalla “io e le mie sorelle ci andiamo proprio per questo! Devi sapere che questo giardino appare solo una settimana prima di Halloween e poi scompare… forse è per questo che non ne hai mai sentito parlare. Tutti possono raccogliere i suoi fiori-dolcetti a patto di rispettare una sola regola, essere bambini. Solo i bambini possono vederlo.”

Sivvy non stava più nelle scarpe per la gioia di poter aiutare la sua famiglia. La festa di Halloween era un evento importante, molto importante.

Arrivavano streghe da tutti i villaggi vicini e i dolcetti non erano mai abbastanza!

“Forza Patty, iniziamo la ricerca di questo fantastico giardino!”

Dalle informazioni ricevute Sivvy capì che il bizzarro giardino non poteva che trovarsi dietro la vecchia fattoria del gufo bianco, ormai disabitata da anni e quindi luogo perfetto per la sua comparsa.

“Seguimi Patty… forse ho capito dove potrebbe essere!”

Infatti eccolo lì. Dietro una folta siepe di edera, così folta che fecero fatica ad attraversarla, il giardino si svelò davanti ai loro occhi!

“Ciao Sivvy e grazie per avermi aiutata” urlò Patty mentre volteggiava felice in direzione di due colorate farfalline.

Sivvy non aveva mai visto uno spettacolo simile. Un giardino scintillante di colori e… davvero guardandolo meglio si capiva quanti dolcetti racchiudessero quei boccioli! Non vedeva l’ora di tornare a casa… questa volta sì che avrebbe avuto l’attenzione di tutti! Chiuse gli occhi e si lasciò cullare dalla felicità.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti