12Giu
2018

Una grande avventura

Fiaba di: Prima N

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Un pomeriggio due grandi amici, Misha e Angelo, giocavano a nascondino nella foresta incantata.

Misha, nel tentativo di nascondersi, si allontanò troppo, fino ad arrivare ai piedi di Trollopoli. Questa città era situata su un’altura ed era governata da Baffo Pazzo, un re crudele ed autoritario che costringeva i troll a lavorare notte e giorno per lui. Misha si perse nel bosco di Trollopoli, così venne catturata dagli scagnozzi di re Baffo Pazzo e venne portata al suo castello. Lì venne trasformata in Misha Troll e venne rinchiusa in un’ angusta cella dove i prigionieri erano costretti a lavorare.

Intanto Angelo si accorse della scomparsa di Misha, così iniziò a cercarla: vagò notte e giorno ma non riuscì a trovarla finché cadde a terra svenuto. Mentre era in uno stato di dormiveglia, sognò che Misha era stata catturata dai troll; quando si risvegliò, si trovò in una casa dove ad accoglierlo c’erano due fate. La prima fata si chiamava Aurora, che agli occhi di Angelo sembrò bella ma severa. Invece la seconda fata, Atena, gli apparve più gentile. Le due fate, prima di parlare ad Angelo, si consultarono e decisero che, per conquistare l’aiuto di Atena, Angelo avrebbe dovuto mangiare 12 lombrichi. Lui, disposto a tutti i costi a salvare la sua adorata Misha, lo fece senza esitare. Una volta superata la prova, Angelo riuscì a conquistare l’aiuto promesso.

La mattina seguente, Angelo e Atena partirono alla ricerca di Misha, ma l’altra fata, Aurora, non fidandosi di Angelo perché temeva che avrebbe catturato Atena, lo sottopose ad un’altra prova. Decise che Angelo doveva lottare contro un gatto gigante; però, per farlo, doveva spostarsi a Gattopoli. Arrivati lì, si presentò davanti a loro un gatto gigante, possente e aggressivo. Angelo e Atena avevano bisogno di aiuto e così entrò in azione Aurora, che regalò ad Angelo un gomitolo magico in grado di distrarre il gatto; in quel momento Atena decise di tirare fuori la sua spada per uccidere il gatto, e così fece: SPATAPAM! Il mostro giaceva a terra morto.

Stanchi morti, Angelo e Atena continuarono il viaggio verso Trollopoli. Giunti lì, li aspettavano il re Baffo Pazzo con i suoi scagnozzi, ma ancora una volta i due non si lasciarono sconfiggere e riuscirono a liberare Misha.

Passato un po’ di tempo e diventati grandi, Angelo e Misha si sposarono e vissero tutti felici e contenti.

 

Autori: Stefano Cirillo, Leonardo Di Fruscio, Angela Manieri, Mattia Merini, Johara Proietti, Simone Toppetta

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti