26Set
2018

L’autunno non ha fretta

Fiaba di: patrizia bimbatti

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Non sentite nell’aria qualcosa di strano?

Non vi pare che faccia ancora tanto caldo nonostante siamo ormai a settembre?

Ebbene, c’è una ragione, vi racconto ora perché l’autunno tarda ancora ad arrivare.

In un luogo incantato di questo nostro pianeta, ci sono quattro casette allineate, una è tutta rosa, con fiori rampicanti che ornano le finestre e un tetto rosso fiammante, è la casa di signora Primavera che adesso è partita per un altro luogo della terra che richiede la sua presenza.

Vicino a questa graziosa abitazione, si erge una casa tutta gialla, ma talmente gialla che sembra quasi la luce del sole, sul suo tetto non ci sono tegole, ma tanti alberelli verdi, nel giardino di questa casa c’è un laghetto sempre pieno di barchette e di bimbi che si divertono a fare il bagno con i loro coloratissimi salvagente.

Ma in quella casa non c’è nessuno, infatti madame Estate è ancora al lavoro proprio in questi luoghi dove abitiamo, sembra che proprio non abbia voglia di fare ritorno a casa perché troppo occupata a compiere il suo caldo, caldissimo lavoro.

“Non posso ancora tornare a casa, ho ancora giorni di sole, vacanze di mare, gelati e serate di danze da offrire! ” diceva madame Estate.

Intanto, in un’altra casa vicina, l’Autunno che amava quelle stanze dipinte di arancio e marrone, se ne stava tranquillamente seduto sul divano di casa sua, con una calda coperta sulle ginocchia e una tazza di the fumante tra le mani.

“Che bella idea ho avuto, ho fatto proprio bene a telefonare all’Estate per chiederle di prolungare il suo lavoro, a lei piace moltissimo allietare con calde giornate le vite di grandi e piccini, io ho ancora bisogno di un po’ di riposo ” disse tra sé l’Autunno, guardando dalle finestre la casa del suo vicino, il vecchio Inverno, che ancora non aveva pensato di preparare le valigie.

L’Autunno sentì ad un tratto lo squillo del telefono e, di malavoglia, si alzò dal suo comodo divano e andò a rispondere: “pronto chi parla?”

“Autunno caro, sono madame Estate, volevo avvertirti che qui ho quasi terminato il mio lavoro, sono un po’ stanca ed ho voglia di ritornare alla mia gialla casetta! ”

L’Autunno che ancora non aveva pensato di prepararsi per partire rispose: “hai ragione, ancora qualche giorno e arrivo”.

E così di malavoglia, il nostro amico Autunno cominciò a preparare le valigie per il suo viaggio qui da noi.

Ancora non si sa il giorno esatto in cui arriverà, ma pare che abbia intenzione di avvertirci del suo arrivo con un po’ di vento e di pioggia.

Forse resterà da noi un po’ più a lungo per non affaticare troppo il vecchio inverno.

Intanto godiamoci ancora questi giorni che l’Estate ha deciso di regalarci, ci rallegrano i cuori e ci danno la serenità giusta per affrontare i freddi giorni che verranno.

Consigli di lettura

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti