21Ott
2016

La casa di zucca e la vecchia strega Perfidia

Fiaba di: annamariavillani

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Un giorno due fanciulli, Mirko e Livio, si incamminarono all’interno di un bosco. Lungo il percorso si imbatterono in una singolare casetta a forma di zucca.

Era già quasi buio e tutt’intorno regnava una strana atmosfera.

“Proviamo a bussare” suggerì Mirko all’amico. Poco dopo aprì una vecchietta dall’aspetto poco rassicurante, si trattava della strega Perfidia, indossava un vestito  di colore scuro e  sulla testa portava  un bizzarro cappello a punta.

” Entrate, entrate pure miei cari fanciulli ! ” disse in modo gentile la donna.

Una volta all’interno, lo sguardo dei fanciulli si indirizzò verso la cucina, dove da un grosso pentolone fuoriusciva un fumo denso e nauseabondo.

“Sedete, sedete pure alla mia tavola,- li esortò la vecchia strega, – vi preparerò un buon pranzetto, sono certa che vi piacerà! .”

I due bambini rassicurati dalla cordialità della donna, presero posto attorno al tavolo.

Poco dopo ella si diresse velocemente  in giardino, raccolse una grossa zucca, dopodiché  si mise subito ai fornelli, preparò ;  crema di zucca come primo, zucca fritta  per secondo e per finire dei deliziosi dolcetti alla zucca profumati allo zenzero.

I due bambini mangiarono di buon gusto, una volta terminato il delizioso pranzo, la donna gli propose di rimanere lì per la notte , affermando che fuori era già quasi  buio e ci si poteva imbattere in persone poco raccomandabili. I due bambini dopo qualche attimo di incertezza finirono per accettare.

Si erano da poco messi a letto, quando ad un tratto si udirono dei colpi sordi alla porta. Mirko e Livio spaventati  si precipitarono  giù dal  già dal letto e cercando di non far rumore si accostarono alla finestra.

Benché fosse buio, scorsero delle ombre vagare nella notte, indossavano una veste  bianca e  si aggiravano in modo circospetto all’interno del bosco. Poco dopo videro la vecchia strega, dirigersi  proprio verso di essi e  di seguito  conversare animatamente con  loro.

Una volta rientrata in casa, si diresse velocemente in cucina, sollevò il coperchio della pentola  ed  iniziò ad inserire  degli  ingredienti, indicandoli uno ad uno .” Coda di rospo, ali di pipistrello , denti di coccodrillo, becco di corvo  e per ultimo polvere di serpente” Mentre girava e rigirava il composto ella mormorava:

” Offrirò ai due fanciulli questa pozione magica, una volta ingerita , essi ubbidiranno ad ogni mia richiesta e saranno per sempre succubi della mia volontà .”

I due bambini avendo udito le reali intenzioni della donna , molto spaventati, decisero di nascondersi sotto il letto, dopodiché  uno dei due disse all’altro:

“Dobbiamo fuggire immediatamente da qui o finiremo dritti  nelle grinfie di quella megera.” L’amico  acconsentì subito  e quando ebbero la certezza che la donna fosse andata nuovamente a  letto, si avviarono cauti verso l’ingresso,  aprirono con prudenza la porta e una volta in strada  iniziarono a correre  a gambe elevate.

Mentre fuggivano per il bosco, si udivano da non molto lontano rumori e frastuoni di vecchie catene. All’improvviso gli si parò davanti una bianca figura, era uno spettro che rivolgendosi  ai due bambini esclamò :

” Sono Hally il fantasma della notte! ” Poi iniziò animatamente a muovere le braccia, per poi ridacchiare e sogghignare in modo beffardo.

I due bambini terrorizzati seguitarono a correre e una volta raggiunto il villaggio , si avvidero con grande sorpresa, che molti  bambini  erano scesi in strada , vestivano in modo alquanto bizzarro, indossavano costumi di; maghi, fantasmi e vecchie streghe e tutti sembravano essere allegri e felici.

Mirko e Livio, ancora provati dall’esperienza da poco vissuta, compresero che quella era una notte speciale, era la notte di Halloween, dove tutto poteva accadere. Erano certi  che se avessero raccontato a qualcuno la loro disavventura, nessuno mai gli avrebbe creduto.

Pertanto conclusero di tenere per sé quel piccolo segreto, dopodiché si unirono anch’essi a tutti gli altri e festeggiare così in compagnia  la tenebrosa  e oscura notte di Halloween.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura