12Giu
2018

L’aeroplano che soffriva il mal di mare

Fiaba di: Orsola

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

In una strana notte di primavera, un piccolo aeroplano volava tra le stelle.

Meccano era il suo nome.

Meccano amava le stelle, il sole, la luna, ma temeva il mare. Soffriva il mar di mare!

Così quando sorvolava il mare non riusciva più a volare e cadeva con un rumoraccio sulla spiaggia senza più poter alzarsi il volo.

Il suo cuore metallico soffriva il mal di mare e nessuno poteva aiutarlo.

Il suo pilota lo aggiustava, ma lui ogni volta soffrendo cadeva.

Una notte una stellina si avvicinò: “Meccano ti posso aiutare?”

“No piccola mia, il mio cuore sta male per il mare”.

“Non devi temere, il tuo, malore può scomparire”.

“Dici davvero?”

“Sì caro, lo vedrai”.

“Quando voli pensa a tutte quelle cose che ti rendono felice, e intona un motivetto:

Io sono Meccano
e volo piano
ma quando il coraggio mi prende la mano
io divento un jumbo plano

… e un motivetto aiuta, nelle piccole grandi paure”.

Il nostro piccolo jumbo, arrivato al mare, pensò a quel motivetto e il malore sparì! Volò alto, coraggioso e non cadde più?

Nelle notti in cui lui volava il suo cuore dolce e coraggioso, ricordando la stellina, intonava motivetti:

Stella stellina
ti voglio bene piccolina

Eh sì piccoli lettori, un amico si vede nel momento del bisogno, ma la musica appaga e diventa un’ottima terapia in alcuni casi strani della vita!

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti