31Dic
2010
L’ostrica e i due litiganti

L’ostrica e i due litiganti

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Due pellegrini un dì videro un’Ostrica
sulla sabbia del mar, e ognun coll’indice
segnandola e coll’occhio trangugiandola,
nacque fra lor la zuffa
a chi prima l’acciuffa,
perché volea ciascun dei contendenti
mangiarla anche coi denti.

L’uno si abbassa e tenta di raccoglierla,
ma l’altro: – Amico, – grida, sospingendolo, –
a chi tocca vediam prima, di grazia.
Io sono del parere
che chi prima l’ha vista in riva al mare
la debba anche godere,
e si contenti l’altro di guardare.

– Sia pur, – rispose l’altro, – se al giudizio
credi dell’occhio, ogni diritto è mio,
che vedo, grazie a Dio,
come non vede un’aquila lontano -.
E l’altro: – Ho l’occhio sano
sia lode al cielo anch’io.
E pria di te quest’Ostrica ho veduto.
– Se tu l’hai vista prima,
prima di te l’ho conosciuta al fiuto -.

Intanto che contrastan sulla riva,
ecco Azzeccagarbugli in tempo arriva,
che nominato giudice,
prende in esame l’Ostrica,
la sguscia e te l’inghiotte
innanzi ai testimoni, e buona notte.

Quindi a’ quei due rivolto,
che lo stanno a guardar stupidi in volto:
– Il tribunal senz’altra spesa e senza
appello, – dice, – ha scritta la sentenza:
prenda un guscio ciascun e lieto vada
ciascun per la sua strada -.

Se guardi quel che costano i piati,
e quanto ben la gente se ne giovi,
vedrai che vincon sempre gli avvocati,
ai litiganti non riman che l’osso,
il danno e l’uscio addosso.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti