31Dic
2010
Il topo e l’ostrica

Il topo e l’ostrica

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Un Topo contadin grillincervello,
della sua vita malcontento e sazio,
lasciò cavoli e rape, ed un più bello
luogo cercando e più libero spazio,
non era ancor dal buco ito due miglia,
che va di meraviglia in meraviglia.

Di qua l’Alpi e di là v’è l’Appennino,
ogni mucchio di terra è una montagna,
e dopo un altro giorno di cammino,
arriva dove in mare il sol si bagna.
Qui vedendo dell’Ostriche, credette
sulle prime che fossero barchette.

– O che bel mondo! – esclama, – o babbo mio,
che non uscisti mai dalla tua tana!
Il mare ed il deserto ho visto anch’io
cogli occhi, e non per giuoco di morgana,
che fa veder le cose entro uno specchio
siccome ho letto sopra un libro vecchio -.

Il Topo, rosicchiando in libreria,
se non era un grandissimo sapiente,
qualche nozione di geografia
gli si era pure appiccicata al dente:
vide dunque quell’Ostriche e credette
sulle prime che fossero barchette.

Fra le quali, o lettor, ve n’era alcuna
che al dolce soffio respirando, apriva
le labbra, bella e bianca e grassa e d’una
così ghiotta e mirabile attrattiva,
che il Topo disse: – Se non mangio questa,
che cosa di mangiare più mi resta? -.

E subito si fece un grosso conto,
e quando il nicchio un poco si avvicina,
il Topo allunga lo zampino pronto,
ma sul più bello l’Ostrica barbina
il guscio abbassa e pria ch’ei tragga il collo
come dentro a una trappola serrollo.

Dimostra questa istoria in primo loco,
che chi non ha del mondo conoscenza
va facilmente in estasi per poco,
e facilmente crede all’apparenza;
poi si rivolge a quei matricolati
che credon di suonare, e son suonati.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti