31Dic
2010
La testa e la coda del serpente

La testa e la coda del serpente

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Testa e Coda di serpente
son terribili alla gente,
e in quel regno, dove filano
le tre Parche il nostro stame,
hanno nome tristo e infame.
Per ragioni di decoro
scoppiò un giorno fra di loro
una lite velenosa.

Lamentavasi la Coda
che la Testa in ogni cosa
stesse in testa:
mentre a lei, non men di questa
dignitosa,
alla proterva
fosse imposto come serva
d’obbedire silenziosa.

– E non sono anch’io creata
d’egual sangue? – prese a dire. –
O ch’io sempre debba in l’erba
strisciar umile e servire
la superba?

Se facesse un giorno Iddio
ch’io potessi andare avanti,
tutti quanti
ben vedrebbero che anch’io
andar so per conto mio -.

Nella grande sua bontà
spesso il Cielo anche si giova
di chi logica non ha.
Volle adunque a lei concedere
una volta questa prova,
e la Coda cieca e stolta,
che non vede in pieno giorno
più ch’io vegga in fondo al forno,
contro i muri, andando in volta,
contro i sassi e sotto i piedi,
trasse seco alla rovina
la meschina col cervello.
Sciagurati quegli stati
che la pigliano a modello.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti