09Dic
2015

L’Albero senza foglie

Fiaba di: Pino Cuomo

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Nella vallata delle orchidee, era una stupenda giornata di sole e tutti gli animaletti, erano felici e giocavano tra di loro.

Gli alberi maestosi, si divertivano a scuotere le enormi chiome di foglie, facendole suonare come tanti piccoli campanelli. Gli uccellini, felici si tuffavano nel mare di foglie variopinte e poi si alzavano in volo cinguettando, formando nel cielo i più bei disegni, da incantare chiunque li guardasse.  L’orchestra della natura aveva iniziato la sua meravigliosa sinfonia e il vento, da bravo maestro, dirigeva con il suo soffiare il ritmo dei suoni……

Solo, solo, in disparte, c’era un vecchio albero triste, non aveva foglie, solo lunghi, lunghi rami, ma, nessuna foglia, nemmeno una.

Con gli occhi abbassati, ogni tanto buttava un timido sguardo e poi li riabbassava di nuovo, sospirando…. Beata gioventù!….

Il saggio castoro, osservò questa brutta situazione del vecchio albero e chiamò a raccolta tutti gli animaletti della vallata.

Noi non possiamo ridare al vecchio albero le sue foglie, ma, possiamo per un giorno farlo felice!

Ascoltate!……

In un baleno, tutti gli animaletti, iniziarono una frenetica corsa sui rami del vecchio albero, incollando palline di resina, sempre di più, sempre di più, finchè i rami furono ricoperti di palline di resina.

Tutti gli alberi furono felici di donare una propria foglia, che fu incollata ai rami e così il vecchio albero si ritrovò in un attimo giovane e possente, mostrò con orgoglio una chioma bellissima , mai vista nella vallata foglie di tanta bellezza e colore.

Il maestro vento, divertito e commosso di tanta bontà, chiamò all’attenzione i suoi orchestrali ed iniziò una nuova e meravigliosa sinfonia, questa volta, più bella e più armoniosa  delle altre…..

Il tempo inesorabile è passato, e il vecchio albero ha perso tutte le foglie….. sembra  che stia dormendo…. La folta vegetazione l’ha quasi ricoperto, ma, in compenso, nel suo faccione, gli è rimasto un sorriso di appagata felicità.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura