24Set
2012
lupo-volpe-sasso-scimiro

Il Lupo e la volpe del sasso Scimirò

Fiaba di: patty

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Un contadino aveva una cascina dove teneva le sue bestie: capre, mucche, galline e pulcini.

Attigua alla stalla c’era una stanzetta dove si teneva il latte, nei catini di coccio, per farlo depositare e poi togliere la panna che affiorava, per fare il burro lasciando il latte scremato per produrre la quagliata.

Sopra questa località, sulla montagna, c’è un posto chiamato Sasso Scimirò. Proprio li, il lupo e la volpe avevano la tana nella quale rimanevano tutto il giorno ad aspettare l’ora giusta. La sera, quando cominciava a diventare buio, piano piano, scendevano e si avvicinavano con cautela alla cascina per vedere se il contadino era ancora nei paraggi, oppure se potevano entrare a mangiare in santa pace.

Per entrare però, dovevano passare per una finestrella stretta, che la volpe magra e piccola riusciva ad attraversare senza fatica mentre il lupo grosso e imbranato passava a fatica. Comunque i due animali riuscivano sempre nel loro intento.

La volpe furba leccava la panna e il lupo tonto si accontentava della quagliata. Il contadino che si era accorto da tempo che qualcuno entrava a sottrargli la roba, decide di appostarsi per sorprendere i ladri e fargliela pagare una volta per tutte. Una sera si nasconde, vede arrivare i due animali.

Sente la volpe dire al lupo che come sempre lei avrebbe leccato la panna e lui doveva mangiare la quagliata perché era più grosso e gli occorreva più cibo per saziarsi.

Essi entrano dalla solita finestra e come stabilito mangiano a crepapelle.

Quando si decidono a uscire vengono sorpresi dal contadino che, armato di un bastone, cerca di picchiarli a più non posso.

La volpe più agile riesce a svignarsela senza prendere botte, il lupo invece impacciato e gonfio di quagliata rimane imprigionato nella finestrella e prende un sacco di legnate.

La volpe intanto, furba e bugiarda si avvicina ad un albero vicino alla stalla e si rotola nei frutti maturi caduti per terra, simulando il fatto di essere anche lei insanguinata per le botte prese.

Alla fine anche il lupo riesce a liberarsi e raggiunge la volpe che lo aspettava sotto l’albero

Il lupo era veramente malconcio mentre la furbacchiona era solo sporca di rosso.

Avviandosi verso la loro tana però, la volpe non contenta di essersela cavata induce il lupo dolorante e ferito a farsi caricare sulle spalle per farsi trasportare fino a casa.

Il lupo arrancava sul sentiero che portava alla montagna mentre la volpe beatamente si godeva il paesaggio .

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti