14Nov
2016

Chi è il giusto?

Fiaba di: gigimar86

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

(L’uomo nero)

Cari bambini mi presento:

io sono l’uomo nero e son felice e assai contento

di vedervi tutti qui

e di gradir la mia compagnia io spero che diciate di sì.

(La strega)

Non è vero, non date retta all’uomo nero

perché è molto furbo e di me più severo.

Io son la strega… e mi presento:

a farvi divertire è un mio portento.

(Il folletto)

Qualcun‘altro s’intromise: “mi si dice che non son perfetto

solo perché son un piccolo folletto.

Adesso bambini statemi a sentire,

a me di notte piace uscire,

adoro il disordine e mi piace scherzare,

se starete con me continueremo a giocare.

(Il mostro)

Non tardò all’appello, di certo, il mostro birichino

cruccio e paura di ogni bambino.

“Non abbiate paura -disse- dei miei peli folti….

non son come loro…brutti e stolti.”

(L’orco)

“Parli proprio tu che sei unto e sporco”,

così intervenne con arroganza, l’orco.

“Non ho una reggia ma una casetta nel bosco

e vi do la mia parola, non sono un tipo losco.”

(Il lupo)

C’è un personaggio….misterioso e cupo,

l’avete indovinato?…ebbene sì è il lupo

con le sue unghie affilate e con la sua grande bocca

che rassicura i bambini dicendo lor :”Di mangiar voi mai non tocca.”

Tutti mi dicono che son orrendo e cattivo

mentre nella vita son molto positivo.

(Lo stregone)

Fate attenzione a quello straccione

vestito di nero….è uno stregone.

Fa sempre degli incantesimi e porta un lungo cappello:

se andate con lui cadrete nel suo tranello.

 

A questo punto tutti i bambini risposero in coro:

“Di ciò facciam tesoro:

Lor si prostran a farci felici

ma sappiam tutti quanti che non son nostri amici.”

La morale è proprio questa miei cari lettori…

color che si professan cordiali davanti

di dietro poi non son tutti santi.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura