31Lug
2013
lumaca-arietta-traffico

La lumaca Arietta nel traffico

Fiaba di: Rosa Rita

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Corre veloce come una saetta.

Ma di chi stiamo parlando?

Direte voi bambini

che amate gustare  i cioccolatini….

Forse lo state solo sussurrando?

Parliamo Di una gazzella o di un cavallo

Di un fringuello o un pappagallo?

No…No….

di una lumaca ascoltatemi bene!

Che  nemmeno per un sol minuto  si siede.

“”Ma le lumache camminano piano!

E cosi vanno lontano, lontano??!!””

Mi dice un fanciullo prendendomi sottobraccio

E togliendomi dall’impaccio.

Ebbene, la nostra lumaca era speciale,

la si vedeva da lontano con un cannocchiale

Sfrecciava veloce sulle autostrade a tutte le ore

con l’aiuto del suo prezioso navigatore.

Affari urgenti e incarichi speciali,

lei risolveva in un battere d’ali.

Non si arrendeva mai di fronte a nulla!

Nemmeno la prateria più brulla

Senza un filo d’erba da mangiare

la faceva scoraggiare

” Perché Mangiare?

Ora si deve lavorare!!!! “

Diceva sicura durante la giornata.

Alla sera, però, si sedeva davanti ad una bella spaghettata,

toglieva il casco e i suoi grandi occhialoni

e si distendeva in grandi lettoni

che la ospitavano stanca e affannata,

per una intensa e lunga galoppata.

Ultimamente lei sentiva la sua casa molto pesante sulla schiena

Un’abitazione di colori piena!

Cosi, un giorno, Arietta prese una decisione,

rivisitando l’antica questione

che le avevano trasmesso mamma e papà

che le dicevano ” Fai il tuo dovere.Lavora sempre con coraggio e dignità”

Pensò

Ci ripensò.

“Posso fermarmi un pochino

Mentre corro a realizzare un progettino? “

Si chiese quasi in silenzio, in un attimo di ozio,

mentre stazionava davanti a un bel negozio.

“Certo!!” gli rispose un millepiedi

Che all’incrocio era fermo sul marciapiedi.

“Dedicati ad una passione che senti nel cuore

Cosi ti rilassi dal traffico e dal rumore”

Le disse il lungo insetto

Che di scarpe ne aveva sicuro un armadietto!

“Potrebbe essere la fotografia?

Che mi distoglie e mi dona fantasia?”

Domandò la lumaca al suo nuovo amico

Che le ricordava anche un saggio lombrico.

” Certo! la fotografia potrebbe qualcosa donarti

E grazie al suo sguardo fermo, gioia portarti.

Pausa

Respiro

Silenzio

Nel tuo intenso e bel daffare

Che ti dà comunque da mangiare”

Cosi rispose il millepiedi attento,

mentre metteva la marcia e riprendeva il suo intendimento

Arietta felice di tanta condivisione,

si gettò a capofitto in questa passione.

Caso strano o forse magia,

Il viaggio quotidiano per la sua via

Riprese ma con più lentezza,

Perché si concedeva qualche carezza.

Punto

Virgola

Pausa.

Flash!

Flash!

Imparò a dare uno sguardo attento al mondo e alla vita che scorre,

mentre la strada comunque sia, la si percorre

Il flash cosi scattava non solo al semaforo e davanti a una partenza

ma anche vicino a un bel panorama in cui si creava una dolce presenza .

Fu cosi, che tra una pausa e l’altra

mise fine ad un’altra mancanza:

Quella di un fidanzato bello e carino

che le  camminasse un poco vicino.

Anche le lumache che corrono veloci e pratiche

Sanno essere molto romantiche.

Ma l’Amore accade nel silenzio e nella calma del cuore,

cosi riesce a donare un costante tepore.

Che bello! Ora li vedi viaggiare insieme…..

Una lumaca e un bel giovane….millepiedi

…………

“”Aspettate mettetevi vicini

Vi faccio una foto

Flash!

Per donarla a tutti i miei amici bambini!!!””

 

Questa fiaba  è dedicata alla mia cara amica Adelaide che ringrazio per la sua presenza nella mia vita.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti