31Dic
2010
Il ciabattino e il banchiere

Il ciabattino e il banchiere

Da mane a sera allegro un Ciabattinocantarellava, ch’era un gusto mattoa vederlo, a sentir. Un canarinonon canta meglio, e il core soddisfatto,era il re de’ sapienti il Ciabattino. Il suo vicin di contro, un epulonegrande Banchiere ed imbottito d’oro,di cantar non avea mai la ragione,e poco anche dormiva sul mattino,quando già canticchiava il Ciabattino. Il […]

31Dic
2010
La morte e il moribondo

La morte e il moribondo

Impreveduta mai piomba la Mortein capo al Saggio. In ogni tempo a guardiaveglia l’occhio di lui. Pronto è il fardelloa partire, ogni giorno, ogni momentopel fatal malinconico viaggio. Ogni tempo del Tempo è un’ora buonaal pagar la scadenza. Infimi e grandi,soggiaccion tutti al gran tributo, e spessonelle culle regali aprono e a un puntochiudon per […]

31Dic
2010
Un animale nella luna

Un animale nella luna

Di qui viene un filosofo e proclamache l’uom de’ Sensi suoi fatto è zimbello,di là ne viene un altro e per sé giurache buon giudice è il Senso. Ebben, io dicoche sta nel ver Filosofia che provae l’una cosa e l’altra, ove s’intendacon discrezion. Se gli uomini nel Sensociecamente s’affidano, è comunfonte d’errori; ma rimosso […]

31Dic
2010
La testa e la coda del serpente

La testa e la coda del serpente

Testa e Coda di serpenteson terribili alla gente,e in quel regno, dove filanole tre Parche il nostro stame,hanno nome tristo e infame.Per ragioni di decoroscoppiò un giorno fra di lorouna lite velenosa. Lamentavasi la Codache la Testa in ogni cosastesse in testa:mentre a lei, non men di questadignitosa,alla protervafosse imposto come servad’obbedire silenziosa. – E […]

31Dic
2010
Il gatto, la donnola e il coniglio

Il gatto, la donnola e il coniglio

Un bel mattino donna Donnoletta,colto il momento, nella casa entròd’un giovane Coniglio.E mentre ch’egli è fuori a far l’amorenella rugiada, in mezzo al timo in fiore,le masserizie sue vi collocò. Quando il Coniglio ebbe mangiato ed ebbesaltato e rosicchiato,a casa sua tornò.Ma proprio in quel momentoch’entrava nell’oscuro appartamento,alla finestra l’altra si affacciò. – Santa ospitalità! […]

31Dic
2010
L’indovina

L’indovina

La nominanza è spesso sulle ditadel caso e vien dal caso anche la gloria,questa è l’antica istoriadi tutti i tempi, ove raggiri e cabalee pregiudizi reggono la vita. Non c’è rimedio, il meno è la giustiziaa questo mondo, e a guisa di torrentescorron le cose irreparabilmente. Una donna facea la pitonessaa Parigi e la gente […]

31Dic
2010
Ingratitudine e ingiustizia degli uomini verso la fortuna

Ingratitudine e ingiustizia degli uomini verso la fortuna

Vincendola sui venti, nei più remoti mari,un certo Mercatante fece de’ buoni affari;né secche mai, né scogli gli chiesero i pedaggie i dazi della merce ne’ suoi lunghi viaggi,fin ch’egli sol tra cento compagni ebbe il confortodi giunger colla nave felicemente in porto. Del mar, anzi di Stige gli altri nell’onda brunaprecipitar; lui solo condusse […]

31Dic
2010
I due galli

I due galli

Vivean due Galli in armonia, quand’eccoarriva una gallina.Addio pace! ciascun aguzza il becco.O Amor, Amor, per te fûr visti i fiumid’Ilio d’umano sangue andar vermiglial sangue misto dei celesti Numi! Fra i nostri Galli un pezzodurò la guerra. Alto rumor ne suonanel paese e ne parla ogni persona.Accorron tutti quei che volentierifan pompa agli spettacoli,e […]

31Dic
2010
Chi corre dietro alla Fortuna e chi l’aspetta in letto

Chi corre dietro alla Fortuna e chi l’aspetta in letto

Ognun si affanna a correre sull’ormedella Fortuna, inutilmente. In luogoesser vorrei dove la turba passadi questi irrequïeti cortigiani,che la Diva volubile del casodi terra in terra inseguono e sul puntod’afferrarne la chioma, ecco, si sciogliedalle mani il fantasma agile e sfuma. Povera gente! io la compiango. I mattichiedon pietà, non ira. – E perché dunque, […]

31Dic
2010
Il curato e il morto

Il curato e il morto

Un morto lemme lemme al camposantoandava in una comoda carrozza,vestito d’una rozzacamicia, che in antico dialettosi chiama cataletto,veste d’estate e veste anche d’inverno,che i morti non si tolgono in eterno. Al carro andava accantoil prete a seppellir quel cristïanocol breviario in mano,e recitava come d’ordinario,o un pezzo di rosarioo versetti di salmi in proporzione,s’intende, del […]