31Dic
2010
La candela

La candela

Fiaba di: Redazione

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Dall’Olimpo, soggiorno almo e giocondo,
venner le pecchie ad abitar nel mondo,
e prima ritrovâr dolce ricetto
sui gioghi dell’Imetto,
ove stillâr quanti nel sen dei fiori
van spargendo gli zefiri tesori.

L’uomo imparò dalle costrutte celle
a spremere l’ambrosia, onde le belle
figlie del ciel riempiono i soavi
elaborati favi.
E poi che da mangiar più nulla c’era,
fece candele colla bianca cera.

Una di queste intese dire un giorno
che diventa il matton cotto nel forno
così duro e tenace,
che può vincer del tempo il dente edace,
e come il pazzo Empédocle provò,
nella fornace anch’essa si gettò.

Questa candela nella sua follia
mostrò di non saper filosofia.
Ciascun ha un modo suo di stare al mondo,
l’uno galleggia e l’altro cade in fondo.
Empédocle di cera e non men stolta,
fu dalla brace subito disciolta.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti