05Giu
2017

Topo Domestico e Topo Randagio

Fiaba di: AngelicaM

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

TopoDomestico viveva in una bellissima cittadina della Francia chiamata Randomville.

Aveva una casetta molto graziosa, tutta colorata. Aveva i suoi giochi ed un bellissimo caldo nido colmo di cotone e ovviamente semi di girasole. I suoi padroncini erano due gemelli di otto anni di nome Albert e Françoise, quando ritornavo da scuola gli dedicavano tantissime attenzioni.

TopoDomestico aveva una vita perfetta , se non fosse per quei fantastici libri d’avventura sui topi esploratori raccontati dalla nonna nelle sere d’inverno freddo e nevoso davanti ad un caldo camino, gli Avevano fatto venire la voglia di poterle provare direttamente sul suo pelo da topino coraggioso .

TopoDomestico aveva l’abitudine di scrutare dalla grande finestra del salone tutto ciò che accadeva fuori in quel  mondo a lui sconosciuto.

E’ oramai il periodo più bello dell’anno a RandomVille, arriva il NATALE… e le luci cominciano a risplendere in tutte le case, e gli alberi a fiorire di perline colorate .

I bimbi giocano a con i loro slittini sulla neve nel viale del Paese .

Questo però era un Natale un po’ più magico degli altri. Topo Domestico, scruta con attenzione dalla finestra e nota che incredibilmente sotto la grande quercia , dei Topolini Randagi venuti da posti lontanissimi stanno costruendo delle tane per poter passare l’inverno.

Topo domestico incuriosito cerco di seguire dallo spazio della finestra i movimenti dei nuovi topolini .Notò che avevano tutti degli abiti  e rattoppati di mille tonalità di colore, ed una piccola medaglietta al collo .Sicuramente per dimostrare l’appartenenza al gruppo.

Erano felici, ridevano e ballavano in maniera buffa.

Ma ad un tratto un Topo alto e grosso uscì da una delle piccole tane in costruzione .

Aveva un aria fiera, i baffi particolarmente lunghi e neri, ed un buffo ciuffo blu sulla testa.

“Doveva essere il capo dei Randagi!!”pensò TopoDomestick che rimase incantato sgranando con i suoi grandi occhioni.

TopoRandagio salutò i suoi amici e notò guardando verso l’alto, quel topino così curioso, con il muso incollato alla finestra .TopoRandagio sorrise e gli fece un saluto con zampa .

Ma Topo Domestico in preda all’imbarazzato e la paura, corse via a nascondersi nella sua tana, con il cuore all’impazzata.

“Povero TopoDomestico era proprio un topino di casa…

Fine prima parte …

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti