27Giu
2017

La lepre la tartaruga e il piccolo premio

Fiaba di: Orsola

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Un giorno la lepre si annoiava, iniziò a guardare il cielo e a contare nubi.

“Una, due, tre. Ma guarda: c’è la nostra Willella. Perché non facciamo una gara?”

“Cara mia, tu hai sempre voglia di scherzare”, fece la nostra tartaruga.

” Carissima, in velocità ti batto!”

“Astor, finiscila di prenderti gioco di altri!”, la redarguì Tino il porcospino.

“Tra il dire e il  fare c’è di mezzo il mare”, fece Angel la mucca, “ma vorrei vederla questa gara”, aggiunse.

“Facciamo così: si dia inizio alla gara, se la batterò io avrò le carote migliori”.

“Questo è da stabilire”, fece Willella-

Allora: pronti? Via!

La lepre corse avanti, ma ogni volta che notava la fatica di Willella, la canzonava, la infastidiva, la faceva sentire stupida.

Passò del tempo e Willella arrivò all’orto di carote. Attese Astrid, che ormai sfinita, si buttò a terra.

“Non vale! Non vale! Come hai fatto?” chiese.

“Io non ho perso tempo, mentre tu lo hai fatto! Non hai risparmiato energie e le hai spese tutte in giochetti”.

“Ma, forse, ti posso accontentare” aggiunse. Si recò nell’orto e strappò una carota: “Volevi un premio? Questo è quanto hai meritato, piccola e dolce”.

Gli animali stupiti si allontanarono e anche Astrid sconfitta se ne andò.

Non merita le nostre attenzioni chi ci fa sentire a disagio, ma probabilmente è lui stesso poco felice con gli altri.

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti