28Ott
2014
freddy-pupazzo-neve

Freddy, il pupazzo di neve

Fiaba di: Rita Bimbatti

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Candidi fiocchi stavano scendendo sul paesino di Arcobaldo. I bambini non attendevano altro, tanta neve per poter finalmente giocarci.

Caterina e Lorenzo, avevano passato tutto il pomeriggio al parco, dopo un’abbondante nevicata, per costruire con cura il loro pupazzo di neve: due tappi di bottiglia per gli occhi, una carota per il naso, un pezzo di stoffa rosso per la bocca.

Sulla testa un vecchio cappello nero e una sciarpa scolorita al collo, al corpo cicciotto avevano applicato una fila di bottoni marroni e una fibbia di metallo come cintura.

-Che carino questo pupazzo, siamo stati bravi, vero sorellina? – esclamò felice Lorenzo.

-Bellissimo, pare quasi vero, gli manca solamente…la parola! – disse Caterina.

-La parola…chi dice che i pupazzi di neve non parlino, eh? – fece una voce roca.

I bimbi sul momento pensarono ad uno scherzo degli amici. Si guardarono intorno, ma non videro nessuno.

-Ehi, piccoli! Dico a voi! – tuonò nuovamente la voce roca.

Caterina e Lorenzo si girarono entrambi in direzione del pupazzo di neve, e videro che la sua bocca si era spostata lievemente dalla posizione originale.

-Si, si, sono proprio io che vi parlo! L’amico di neve che avete appena costruito – fece il pupazzo.

-Ma i pupazzi di neve non parlano…o almeno… -mormorò Lorenzo.

-Ma io sono speciale, mi chiamo Freddy! Sono veramente felice di fare la vostra conoscenza, mi avete costruito molto bello – disse il pupazzo.

Finchè iniziò a scendere la sera, si stava facendo buio.

-Ciao Freddy, domani torneremo a trovarti! – fecero i due fratelli.

-Va bene, ma dovete farmi una promessa. Io spero di rivedervi presto, ma se questo non dovesse avvenire, non rattristatevi: ritornerò con la prossima nevicata, e voi mi ricostruirete più grande e più bello!

Caterina e Lorenzo scossero la testa, Freddy non sarebbe sparito e il giorno dopo si sarebbero ritrovati nello stesso punto, nello stesso parco. Il mattino seguente i due bambini sia alzarono presto, fecero colazione, si infilarono il cappotto e uscirono. La giornata era ancora fredda, ma soleggiata. Corsero dal loro pupazzo di neve…ma una brutta sorpresa li attendeva: Freddy non c’era più. Il sole lo aveva sciolto quasi completamente.

-Che tristezza, il nostro amico è sparito! – disse Lorenzo con le lacrime agli occhi.

Caterina si ricordò allora della promessa fatta da Freddy.

-Dai, Lorenzo, non piangere! Il nostro amico ritornerà, vedrai, ritornerà!

Alzando lo sguardo verso il cielo vide alcune nuvole scure che stavano nascondendo il sole. Sorrise.

-Ora andiamo fratellino! Mamma e papà ci stanno aspettando per il pranzo! Vediamo chi arriva primo!

Iniziarono a correre veloci, lungo la stradina che portava alla loro casa.

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenta la fiaba



Altre fiabe che potrebbero piacerti



Consigli di lettura

Il pinguino che aveva freddo. Ediz. a colori: 1Che freddo signor Orso!Gira giraffa nella fredda terra del no. Ediz. illustrataIl Mio Piccolo Drago Domestico (My Little Pet Dragon)L'angelo di