icon_rssicon_facebookicon_twitter

Link sponsorizzati

Il nostro copyright

Dove non diversamente indicato, alle opere presenti su questo sito, si applica la licenza Creative Commons seguente:

cc

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate. Per informazioni clicca qui.

prezzo viagra in italia

Le altre fiabe

storia-estateTanto tempo fa, quando ancora non erano nati i treni e gli aerei, Madre Natura aveva in mano un pennello di un solo colore.

Era giallo e ogni volta che voleva dipingere, lo intingeva nel Sole.

Fu così che disegnò l'estate, rubando ai raggi un po' d'oro per il grano maturo, prendendo un po' di luce inventò i girasoli.

Per caso, una goccia di giallo cadde nel blu del mare e le onde si tinsero di verde smeraldo: verdi furono le foglie e verdi i prati dove le margherite sembravano tante stelle .

Leggi tutto...

dietro-cattedraVorrei scriverle tutte
le vostre domande
ma non esiste un foglio così grande.

domande che affiorano 
ogni giorno differenti 
perché voi siete fiumi 
dai tanti affluenti. 

Leggi tutto...

lupo-guerraC’era una volta, un bellissimo cucciolo di lupo dagli splendidi occhi viola e il pelo color del miele di nome Scheggia. Allegro, paffuto e pieno di vita, la creatura cresceva accanto ai suoi genitori all’interno del suo branco fiero e orgoglioso, imparando le leggi che regolavano la natura, pronto un giorno a divenire anch’egli un lupo adulto forte e responsabile, capace di dirigere un gruppo suo.

Ma di colpo una mattina, al far dell’alba, mentre tutti gli animali della foresta erano ancora addormentati e il cielo si stava lentamente aprendo coi suoi tenui colori, un boato enorme fece tremare ogni cosa e svegliatisi di soprassalto sotto i colpi inferti dalle granate, a far sussultare il suolo e scuotere gli alberi alle radici facendoli cadere uno ad uno, le bestie sgomente si guardarono impaurite, percependo l’odore acre dell’Uomo venire a disseminare penuria e morte.

Leggi tutto...

rocco-ranocchio-stonato-1In una bella notte di primavera, le rane del torrente vicino ad un piccolo paese di mare erano particolarmente in fermento.

Si stavano preparando al loro concerto che ogni sera eccheggiava in tutti i dintorni e richiamava parecchi spettatori tra i quali, anatre, pesci del torrente e anche due simpatici cavalli che alloggiavano nella fattoria vicina.
Tutti volevano assistere al concerto prima di andare a dormire, era un rituale al quale nessuno rinunciava, per questo, le rane andavano molto fiere del loro spettacolo e vi si preparavano con molta dedizione .

Sulla collina vicino al torrente c'erano diverse case dove abitava sia gente del posto che villeggianti di passaggio; la collina quella sera era illuminata più del solito poichè molti erano venuti al mare per trascorrere qualche giorno di vacanza.
La rana Isabella guardava emozionata le luci in lontananza pensando che quella notte il loro concerto avrebbe avuto un pubblico molto vasto e che, quindi, avrebbero dovuto dare il meglio.

Leggi tutto...

mondo-coloriScava scava
cerca cerca
balla balla
ridi ridi
gioca gioca

Guardati intorno
gira la testa
di quà e di là
vedi il mondo com'è bello
han buttato secchiate di colori
tanta pittura han colorato
ogni cosa
che voi bimbi guardate

Leggi tutto...

elenaC'era una volta una bambina di nome Elena che viveva in una casetta piccola insieme ai suoi genitori.

Un giorno Elena dovette traslocare e andare via da lì.

Era molto dispiaciuta di dover lasciare quella casetta così bella, ma d'altra parte andava a vivere in una più grande.

Arrivati alla sua nuova casetta elena si meravigliò di una casa così magnifica e siccome non era mai stata lì si fece un giro nel paese per vedere cosa c'era di bello,e infatti trovò un bimbo di nome Tommaso che anche lui era lì da poco cosi fecero amicizia e stettero tutto il tempo insieme.

Leggi tutto...

viaggio-fatabiancaC'era una volta un bambino chiamato Gino a cui piaceva molto stare con la sua mamma.

Gino usciva, spesso, con la sua mamma per accompagnarla nelle diverse commissioni quotidiane. Finché...

Un giorno la mamma decise di andare a trovare una sua amica, che viveva molto lontano.

Per questo motivo, Tindina pensò di lasciare Gino dalla nonna e di partire da sola. D'altronde l'amica era la sua! A cena lo comunicò a Gino, ma il bambino scoppiò a piangere e non volle più mangiare.

Tindina, un po' indispettita, lo lasciò sfogare in camera sua e finì la cena.

Leggi tutto...

mirtinoC'era una volta un bambino chiamato Mirtino che viveva in una bella villa al limitare del bosco con i suoi genitori e, soprattutto, col suo saggio nonno Livio.

Mirtino amava giocare all'aria aperta insieme ai suoi amici, per tutto il giorno, ad inseguire le farfalle, a fischiettare agli uccellini, a pallone, a rincorrersi... e a fare un gran rumore. Ma proprio tanto.

Un giorno, però, successe qualcosa di molto bislacco. Infatti, il nonno Livio aveva la febbre e stava riposando, in pieno giorno, nel suo caldo letto, amorevolmente curato da sua figlia, Manuela, la mamma di Mirtino. Intanto il nipotino e la sua allegra brigata avevano deciso di sperimentare un nuovo gioco: " Fai più baccano possibile" con ogni mezzo. E ci riuscivano benissimo!

Leggi tutto...

raduraC'era una volta un vispo bambino, di nome Martino che viveva in una radura profumata e rigogliosa.

Lì ogni albero aveva la sua folta chioma verde e regalava la sua ombra ad una grande varietà di animaletti, pelosetti e furbetti.

Tra questi vi era un simpatico coniglietto, Carotino, che amava godersi il riposino pomeridiano all'ombra del saggio faggio nodoso. Finché...

Un giorno di piena primavera Carotino andò ad accucciarsi, come sempre, ma notò che il faggio lo respingeva via con le sue ampie radici. Ci rimase molto dispiaciuto. Confuso. Provò più volte, mettendosi in diverse posizioni, ma non ci fu verso.

Leggi tutto...

tappo-fortunatoC'era una volta un bel tappo di sughero, lucido lucido che profumava di buon vino rosso.

Se ne stava tutto fiero in cima alla sua bottiglia in un'antica cantina, fresca e in penombra, all'ultimo piano di un palazzo tinto di rosso fuoco. Finché...

Una domenica mattina la padrona di casa si svegliò di buon'ora ed iniziò a sfaccendare tra stoviglie e tovaglie ricamate e preziose. La sua mano destra si avvicinò, più volte, ad aprire la porta che portava alla cantina. Era incerta su quale faccenda sbrigare prima. L'aria di primavera si riempì, all'improvvisa, del dolce rintocco delle campane: era mezzogiorno.

Leggi tutto...

avventuroso-novembreC'era una volta un gatto chiamato Buio molto simpatico e sempre pronto ad aiutare gli altri suoi amici.

Un giorno però...

Era una tiepida giornata di novembre, insolitamente tinta di giallo sole e tersa di azzurro, gli uccelli cantavano e volavano fra gli alberi nudi.

Buio e i suoi tre amici preferiti, Tramonto il cane, Stella la tartaruga e Scheggia lo scoiattolo stavano correndo, spensierati, sul prato di casa di Buio.

Ad un certo punto, proprio mentre giocavano l'ultima manche a nascondino, sentirono che qualcosa stava per succedere. Si immobilizzarono immediatamente ed iniziarono a testare l'aria in cerca di indizi importanti.

Leggi tutto...

quaderno-principescoC'era una volta un orsetto chiamato Asso che viveva in un piccolo bosco detto dell'Armonia.

Lui era un orsetto tutto peloso e riccioluto.

Tutti gli abitanti del bosco gli volevano un gran bene ed era sempre circondato dagli amici che lo invitavano ad ogni festa e ricevimento si tenesse nella Sala del Re.

Finché...

Un giorno però accadde qualcosa di inaspettato.

Asso era stato appena invitato al Gran Ballo d'Inverno per il compleanno della Principessa Isa.

Si presentò al Castello con il suo vestito migliore e un profumato mazzo di fiori di carta.

Asso ballò tutta la serata divertendosi molto finché... non vide un foglio di carta che luccicava al baluginio delle candele.

Leggi tutto...

piccione-ciccioneVicino alla fontana di una piazza vivevano due piccioni, uno prepotente e l'altro timido e indifeso. Il piccione prepotente mangiava tutto quello che trovava e rubava il cibo a quello timido, facendo il gradasso e impedendogli di nutrirsi.

Così, il piccione prepotente era diventato un ciccione e quello timido, sempre più piccino.

"Toh... Guarda, una mollica di pane" e il piccione ciccione si lanciava subito sul bottino.

"Non ne avrai, mangerò tutto io" diceva al piccione piccino, sempre più triste e denutrito.

Un bel giorno, i due videro altri quattro piccioni che volavano, giocando e divertendosi.

"Voglio volare insieme a loro" disse il piccione ciccione, battendo le ali. Dopo due o tre tentativi di volare, il piccione ciccione dovette però arrendersi.

Leggi tutto...

tre-follettiTre erano le Parche, tre erano le Graie, tre le Gorgoni: c'è sempre un numero tre che si ripete nelle leggende, nella mitologia e nelle saghe.
E non dimentichiamo la Santissima Trinità e i tre Buddha.

Qui si narra dei tre folletti Peng, Ping, Pang.

Mauro li vide per la prima volta dall'alto di un crinale, mentre andava nel bosco a cercare erbe per fare dei decotti.

Li vide e non ne rimase del tutto sorpreso: lui conosceva la natura, si fidava delle erbe benefiche e sapeva identificare quelle velenose, conosceva molte creature dei boschi ed era conscio di non conoscerne molte altre; che nei boschi ci fossero, quindi, dei folletti, come da tempo si andava dicendo, non lo stupì più di tanto; li vide, ma quando scese verso di loro, questi se n'erano già andati: comunque non immaginava che li avrebbe incontrati di nuovo e presto, anche.

Leggi tutto...

lumachina-barbaraOgni anno, in una calda sera d'estate e sotto un fitto tappeto di stelle, nel bosco "L'Incanto" si tiene la tanto attesa gara podistica aperta a tutti gli animali del luogo. Il percorso, più o meno lungo ed articolato, vede un solo vincitore, a cui spetta un premio costituito da gustose provviste corrisposte per tutto il periodo invernale.

Ad ogni animaletto del bosco iscritto viene consegnata una pettorina con impresso un numero. La sera, all'apertura della manifestazione, c'è una lunga colonna di partecipanti: Ada, la volpe rossa, Chris, il lupetto, Puff, il gufo, Tommy, il coniglietto nero, Puntino, il riccio, Sonia, la farfalla colorata, Agilino, lo scoiattolo, Erich, il serpentello...

All'improvviso, tra i gareggianti, si leva una fragorosa risata. Alla fine della fila, pronta a partecipare più tenace e convinta che mai, c'è Barbara, la lumachina del bosco.

Leggi tutto...

nido-non-uccidereIn un nido piccolo
tra i rami
di una quercia
nasceva un uccellino
era tutto spelacchiato
non riusciva
ancora a cinguettare
ma voleva volare

Leggi tutto...

fatina-perla-neraIn un mondo fantastico
una volta viveva una dolce piccola fatina

viveva in un un piccolo scrigno dorato
aveva un vestitino rosso con merletti e fiocchi giallo oro
i capelli rosa color del sole e gli occhi viola

ballava cantava tutto il giorno 

mangiando  uva banane e mele colorate di blù

Una volta volle uscire dal suo scrigno
perchè voleva vedere il mare

e con la sua bacchetta magica
schioccò un colpo ed espresse un desiderio

Bacchetta mia dolce bacchetta...magica
portami al mare e la magia la portò al mare

Leggi tutto...

isola-walang-taoC'era una volta un piccolo uomo di nome Moed che abitava in una casa grande, tanto grande che qualche volta ci si perdeva dentro. 

Sua moglie era morta un anno prima, e da quel giorno non era più uscito da quella grande casa.

La spesa gliela portava a domicilio un ragazzino della zona, e per le commissioni più urgenti c'era sempre qualche amico pronto a concedergli il favore, in cambio di una buona tazza di tè. Moed era famoso per il suo tè, perché coltivava da sé le foglie nella sua serra, che era grande come la sua casa. E poi ci metteva un ingrediente che diceva essere magico, e che forse magico lo era davvero, perché tutti quelli che bevevano il suo tè dicevano di non aver mai bevuto un tè come quello.

Leggi tutto...

sindrome-managerialeUn giovane manager, durante una crociera, naufraga su un'isola in mezzo all'oceano. E' l'unico sopravvissuto: tutti i suoi amici annegano nel tentativo di sfuggire alle onde. Lui si salva fortunosamente perché riesce a restare aggrappato ad un pezzo di canotto, che dopo quasi una settimana, portato dalla corrente, si ferma sulla riva di un'isola, molto piccola e completamente disabitata.

Da oltre tre mesi si ciba di banane e cocco.

Una mattina, mentre è disteso sulla spiaggia, stanco e disperato, vede avvicinarsi una canoa.

La canoa approda e ne scende una ragazza: bionda, slanciata.

Bellissima.

Leggi tutto...

picchio-caneUn picchio sonnecchiava sul ramo di un albero, quando il silenzio fu interrotto da un vivace cagnolino che cominciò a scorrazzare tutto intorno.   

"E' mai possibile che non si possa riposare in pace neanche per un minuto?" brontolò il picchio fra sé e sé, mentre il cane saltellava e scondinzolava facendo un grande baccano. Chiuse gli occhi con decisione, ma quando dopo pochi minuti li riaprì, per poco non gli venne un colpo. Il cagnolino, contro ogni logica, aveva cominciato a ruotare su se stesso tenta disperatamente di mordersi la coda.

Il picchio si gettò in "picchiata" sul cane "ma sei impazzitò?" urlò "sei un autolesionista o cosa?"    

Il cane lo fissò con i due occhioni nocciola sinceramente stupito "E' tutto ok amico, sto solo giocando" disse placidamente.

Il picchio resto basito. Lo scrutò sospettoso per alcuni secondi, e poi se ne volò via.

Leggi tutto...

gabbiana-tartarugaUn giorno una graziosa gabbiana, volando sopra l'oceano, si imbatté in una scena che la sconcertò: centinaia di tartarughine appena nate arrancavano faticosamente sulla spiaggia nel disperato tentativo di raggiungere il mare.

Per molte di loro la tanto agognata distesa azzurrina non restava che un miraggio, mentre la loro folle corsa terminava negli artigli di affamati uccelli predatori. Quando, in seguito, la nostra gabbiana venne a sapere che le tartarughe erano solite abbandonare le loro uova sulla spiaggia, totalmente ignare della sorte dei loro piccoli, restò veramente indignata.

Lei, che aveva pazientemente covato le sue uova e accudito i piccoli con tanto amore, fino a che non erano stati in grado di volare da soli fuori dal nido, non riusciva a capacitarsi di come una madre potesse essere tanto irresponsabile.

Leggi tutto...





I consigli di lettura di Amazon

Tutti i libri del catalogo Amazon attinenti alla fiaba che hai appena letto.

Clicca sulla copertina per saperne di più!