icon_rssicon_facebookicon_twitter

Link sponsorizzati

Il nostro copyright

Dove non diversamente indicato, alle opere presenti su questo sito, si applica la licenza Creative Commons seguente:

cc

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate. Per informazioni clicca qui.

prezzo viagra in italia

Le altre fiabe

halloween-rosyMi son nascosta per non
farmi trovare
nella notte di halloween
circolano fantasmi
sono usciti
da poco dalle loro tombe
si trascinano pesantemente
fanno rumore, ringhiano
ho paura!

Leggi tutto...

tartaruga-televisioneC'era una volta una tartaruga che si chiamava Flora. Era una tartaruga molto, molto lenta e girava per casa tutto il giorno.

Abitava con un contadino di nome Alfredo, il quale vietava alla povera tartaruga di uscire da casa per paura che gliela rubassero.

Flora, non sapendo cosa fare tutto il giorno chiusa in casa, a un certo punto decise di accendere la televisione perché, le sembrava, che il suo coinquilino si divertisse molto a guardarla!

La tv, dopo qualche tentativo fallito, si accese: le immagini colorate e il volume alto incantarono Flora che rimase tutto il giorno davanti allo schermo. Le piacevano soprattutto i cartoni animati e si faceva delle grasse risate vedendo Spongebob o I Puffi. Prima che Alfredo rientrasse in casa, però,  Flora spegneva la tv, non voleva che il suo coinquilino la scoprisse.

Leggi tutto...

piripicchioQuesta è la storia dell'uomo più piccolo del mondo. Ma piccolo quanto? Piccolo, piccolo: talmente piccolo, che il suo nome finisce ancor prima di pronunciarlo. Lo chiameremo, allora, Piripicchio: un nome di fantasia.

Piripicchio è alto centimetri tredici ma la gente non fatica a vederlo anzi, quando lo incontra gli fa subito le feste.

"Piripicchio di qua..."

"Piripicchio di là..."

"Beato te, Piripicchio!"

Leggi tutto...

mela-scoiattolo-robinSopra un albero c'era una mela rossa. Era matura, lucida , croccante e profumava di fiori.

Aspettava impaziente il suo amico Roberto per giocare a nascondino tra le foglie secche .

All'improvviso arrivò un temporale e la mela si spaventò terribilmente.

Uno scoiattolo gentile, che si chiamava Robin, vide che la mela era spaventata e la invitò nella sua tana .

Lo scoiattolo preparò una tazza di tè con ghiande e la mela la bevve molto volentieri.

Leggi tutto...

gocce-spazioQuel pomeriggio il cielo era nuvoloso e cadde una goccia di pioggia.

Il temporale era sempre più forte e così caddero tantissime gocce di pioggia.

Le gocce, piccole piccole, avevano paura di cascare a terra perché pensavano di farsi male.

Un fulmine si accorse del timore del loro timore, corse in loro aiuto e le portò nello spazio.

Da lì, il mondo era bellissimo: giocavano a nascondino tra i pianeti, saltellavano sulla Luna e bussavano alle navicelle degli extraterrestri.

Per caso, saltellando, incontrarono un alieno con la navicella rotta. Le goccioline si trasformarono in energia, entrarono nel serbatoio e fecero ripartire la navicella.

Leggi tutto...

gatto-innamoratoUn pescatore una mattina di sole
andò a pescare
in compagnia del suo fedele gattino

pescò un bel pesciolino, rosso se
lo mise nel secchio
è tutto contento
andò a fare un sonnellino sotto un albero

Gastone il gatto
con occhiali e crema abbronzante
se ne stava sdraiato sotto l'ombrellone

Leggi tutto...

bassetto-coniglio-pompiereIn una buca sotto un campo di mais
viveva nascosto un coniglietto bianco di nome Bassetto
non faceva nulla tutto il giorno
solo dormire e rosicchiare mais e carote
a lui le bastava uscire dalla sua buca
prendere una carota e ritornare al fresco
Ma il povero coniglietto Bassetto
aveva un grande sogno in cuor suo
voleva diventare un super pompiere
aveva frequentato la scuola per pompiere
era pure stato promosso con ottimi voti
MA....
era molto basso di statura
e con le sue zampette non poteva salire sul grande furgone dei pompieri
....... cosi' era diventato triste
e tutto il giorno non voleva fare nulla

Leggi tutto...

drago-sputacuoriIn una caverna di un'isola sperduta, viveva Dilan, un drago molto buono. Viveva allegramente con la sua famiglia e con le altre creature dell'isola: gli elfi, gli unicorni e le sirene.

Amava la sua isola e stava per diventare un drago a tutti gli effetti. E sì, perché nella sua isola per diventare drago a tutti gli effetti, era necessario saper sputare il fuoco.

Dilan era molto emozionato dall'idea, finalmente poteva diventare un vero drago e per consacrare quell'evento, era stata invitata tutta la popolazione dell'isola.

Leggi tutto...

mago-autunnoE' arrivato Mago Autunno.

Dipinge il mondo di tanti colori.

Rosse le foglie, azzurro il cielo.

Sistema qualche nuvola qua e là.

Raccoglie uva, castagne e funghi.

Leggi tutto...

phoebe-vuole-diventare-una-strega– Posso entrare, signora strega?

– Entra, la porta è aperta – disse la Strega Maestra, rigirando il mestolo di legno nell'intruglio disgustoso, che ribolliva nel pentolone nero sul fuoco.

– L'attenzione della strega era tutta per il suo intruglio, qualcosa non andava, forse non ci aveva messo abbastanza carne di somaro. Non si girò nemmeno a guardare chi entrava..

– Chi sei? Cosa vuoi? Non vedi che sono occupata, vattene, torna domani.

– Sono Phoebe, signora strega, voglio imparare i sortilegi, i filtri magici e tutti gli altri trucchi. Prendimi con te.

La strega fece un sospiro, si girò a guardare Phoebe e scoppiò un una risata che fece gelare il gatto.

Leggi tutto...

bauletto-magicoLungo una stradina di campagna tre sorelle Leda, Elsa e Milù, camminavano tranquille, quando si imbatterono  in un vecchio castello abbandonato. Spinte dalla curiosità si introdussero all'interno, la prima faceva da guida, le altre due le andavano dietro senza fiatare.

Ad un tratto si spalancò una piccola porta e davanti ai loro occhi apparve una stanza traboccante di oggetti d'oro, pietre preziose e monili d'ogni genere. Le tre sorelle rimasero senza parole, non avevano mai visto nulla del genere, Leda  invitò Elsa e Milù a portare via quante più cose potevano.

Scorsero dei vecchi sacchi posti in un angolo della sala, dopo di che cominciarono a riempirli in tutta fretta.

Leggi tutto...

lettera-danipiCari bambini, sono una foglia.

Vivo dalla scorsa primavera nell'albero del vostro giardino, sì, proprio quello con le foglie a forma di stella.

Ogni mattina la mia sveglia suona presto, perchè mi piace vedervi arrivare a scuola .

Che gioia quando giocate con me!

Leggi tutto...

foglia-vento copyUna foglia si stancò di stare sull'albero.

Chiamò il vento e gli disse : "Portami via! Voglio vedere il mondo!"

Il vento la staccò dal ramo e la fece volare nell'aria .

La fece atterrare sull'acqua di un lago di montagna. Diventò una barchetta per due formiche innamorate che fecero un giro.

Il vento accarezzò la foglia di nuovo e la portò su un tetto . Vide tanti uccelli che viaggiavano vicino alle nuvole.

Leggi tutto...

anastasia-piccola-volpeC’era una volta una bellissima volpe dal pelo fulvo e gli occhi di una cangiante tonalità viola scuro, di nome Anastasia.

Rimasta orfana alla nascita, perduto il proprio branco per mano degli Esseri Umani, impegnati  in una delle loro sanguinose guerre, che avevano trasformato la sua Foresta, un tempo pacifica e serena, in un terreno di scontro raso al suolo all’urgenza dalle loro battaglie, creature mai paghe di potere e conquiste, che col loro fucile tonante avevano distribuito morte e penuria, costellando di bombe e trincerando di filo spinato ogni dove, la piccola bestiola,  ferita ed impaurita, scoperta in fin di vita da un soldato in sopralluogo, era stata raccolta sotto la sua protezione e portata al Campo chiamata da lui col nome di Anastasia.

Leggi tutto...

naso-delfinoDovete sapere che milioni e milioni di anni fa gli uomini e le donne non avevano il naso.

"Cosa?" Direte voi. "E perchè mai?"

Per dimenticanza. Quando le facce furono pronte, le bocche parlarono e gli occhi sorrisero, tutti erano allegri e si misero a tavola, per festeggiare.

Fu servita la pastasciutta, che aveva un buonissimo odore, ma nessuno dei commensali poteva sentirlo. Poi le patatine fritte, le pizze e le torte salate. Tutto era bello e colorato dentro i vassoi, ma nessuno aveva appetito.

Vennero portati dolci meravigliosi, profumati e fragranti, gli occhi si buttavano a pesce sui quei cibi dai colori sgargianti, ma appena si mettevano in bocca non si setiva nessun sapore, come se fossero di plastica .

Leggi tutto...

scarabeo-favole-cieloLo scarabeo
scarabocchia
lungo tutto il cielo

Vira
aleggia
volteggia
e poi punteggia
ora la a ora la b ora la c la d la f e la g

Leggi tutto...

conchiglia-oceano

Molti anni fa in una piccola isola sperduta dell’arcipelago delle Hawaii viveva con la sua famiglia Joseph, un bambino di otto anni.

Il piccolo Joseph assieme al padre, quasi ogni pomeriggio andava a pescare nelle calme acque dell’oceano con la zattera costruita con robusti tronchi d’albero e pelli usate come vele per muoversi veloci, attraversando i forti venti nelle giornate più burrascose e piovose.

La pesca era l’attività principale del villaggio.

Leggi tutto...

civetta-manolaCammino e sento il rumore dei miei passi, cade un foglia scricchiola e cade pesante, un sasso nel silenzio vigile della campagna. Si avvicina uno scooter, mi supera, il rombo del motore si diluisce nell’aria ferma ,lo seguo lontano, lo ascolto dissolversi come un ricordo, una traccia di me che affiora da memorie sepolte..

Ero bambina e affondavo dentro il materasso di piume, scivoloso , andava di qua e di là come l’onda del mare..

La camera della nonna era buia, ma in un angolo un lumino rassicurante era sempre acceso, davanti alla foto del nonno, morto giovane per un infarto.

La nonna era ferma dalla sua parte del letto, io ascoltavo quello strano silenzio dove tutto era vivo, un pigolio sommesso dalla camera accanto, dove i pulcini nascevano sotto lo staio, uno stridio di civetta,la immaginavo verde nel buio coi suoi occhi di maga, un richiamo lontano, un cane, un uccello, un suono di frasche spezzate.

Leggi tutto...

scuola-mareChe emozione : ricomincia la scuola nella classe del mare .

Ci sono proprio tutti ed è bello ritrovare gli amici.

Ognuno racconta le sue avventure d'estate .

Polpo dice che nuotando nei mari più profondi ha trovato un paio di occhiali d'oro e quando se li mette si sente bellissimo.

A Triglietta invece è successa una brutta avventura :si è miracolosamente salvata dalla rete di un pescatore che aveva un buco , se no adesso sarebbe già stata fritta!

Leggi tutto...

ritorno-scuolaErano le tre del pomeriggio mentre Giulia avendo usato le vacanze solo per divertirsi stava studiando ridotta all'ultimo momento.

Giulia non c'e la faceva più e pensando tra se e se disse . Alberta la mamma di Giulia disse Giulia disse Giulia stava scendendo le scale mentre Lilly la sua gattina miagolava.

Giulia si era seduta a tavola e la mamma disse . Giulia fece alla mamma uno sguardo come dire non è colpa mia e poi disse.

Leggi tutto...

storia-estateTanto tempo fa, quando ancora non erano nati i treni e gli aerei, Madre Natura aveva in mano un pennello di un solo colore.

Era giallo e ogni volta che voleva dipingere, lo intingeva nel Sole.

Fu così che disegnò l'estate, rubando ai raggi un po' d'oro per il grano maturo, prendendo un po' di luce inventò i girasoli.

Per caso, una goccia di giallo cadde nel blu del mare e le onde si tinsero di verde smeraldo: verdi furono le foglie e verdi i prati dove le margherite sembravano tante stelle .

Leggi tutto...





I consigli di lettura di Amazon

Tutti i libri del catalogo Amazon attinenti alla fiaba che hai appena letto.

Clicca sulla copertina per saperne di più!