19Giu
2017

La Magnifica

Fiaba di: Zhubryk

Pubblicità

Questo spazio permette al sito di offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!



La fiaba

Una Mano Premurosa
mentre il sole si svegliava
ha piantato una Rosa…

La pioggia la innaffiava
e cresceva Rosa Bella
tra gli altri belli fiori
sotto il sole che scalda va
e mentre pioveva fuori.

Il tempo scorreva in fretta,
la Magnifica sbocciava
senz’accorgersi nemmeno
che un insetto l’ attaccava.

Quell’insetto tanto brutto
torturava Bella Rosa
le s’ ingiallivano le foglie
non era una buona cosa.

Quell’insetto l’attaccava
e attaccava pure gli altri,
piano piano tutti i fiori
se ne sono altrove andati.

Ma non importava nulla
al terribile insetto
che nel Giardino tanto bello
c’ è venuto un deserto.

Soffriva molto Bella Rosa
ma cercava di restare
finché una man rognosa
non l’ ha provato a strappare.

Già, la mano tanto brutta
l’ ha strappato e venduto
ma per fortuna per la Bella
un Giardiniere è intervenuto.

Un Giardiniere innamorato
dei fiori e del mestiere suo vecchio,
così al man rognosa e brutta
hanno potuto fare il becco.

Con le mani calorose
e l’amor che vien dal cuore
lui scaldava Bella Rosa
e le donava tanto sole,
la libertà,
immensi spazi
del suo Giardino colorato
la compagnia di altri fiori,
mettendo fine a tanto strazio.

Fiorivano Bella…
Gocce d’ acqua,
al sole un arcobaleno,
toglievano la sua sete
sciogliendo il male e veleno.

Sciogliendo il male che l’ inferno
un di mando sulla sua testa…
Fiorivano Bella e brillava
e diventava Principessa.

Si spargevano le voci
su quel’ uomo tanto buono
da allora non gli manca
ne il pane , ne il lavoro.

Si spargevano le voci
anche su quel Fiore Bello
e veniva tanta gente
al Giardino per vederlo.

Chi portava un poco d’ acqua
chi un poco di concime,
ma la Bella Rosa sa
quell’Uomo Buono è in cima.

E tra tutti i Cavalieri
la Rosa scelse per la vita
il suo amato Giardiniere
che la curò dalle ferite.

E così un giorno mite
ogni Fiore del Giardino
(Orchidee, Margherite,
un Girasole piccolino…)
hanno chinato le loro teste
mentre diventava la Regina
una che è stata Principessa.

E mentre pioggia cadde
dalle fronde gocciolò
le nacque il primo bocciolo,
tutto ciò significa
che nel Giardino già altrove
ha piantato le radici la Magnifica.

Consigli di lettura

Commenta la fiaba

Mi chiamo Maryna Zhubryk. Sono nata in Ucraina. Vivo in Italia dal 2001. Adoro scrivere, in particolare le poesie.


Altre fiabe che potrebbero piacerti