icon_rssicon_facebookicon_twitter

Link sponsorizzati

prezzo viagra in italia
comprar viagra en linea


Pubblicità
Questo spazio permette al sito di continuare ad offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!

La fiaba

D'una fonte nel liquido cristallo,
con suo dolore ed ira
esclama un Cervo, mentre si rimira:
- Quale contrasto, oh vedi,
fra la mia testa e i piedi!
Mentre le corna i bei rami dispiegano
come una selva, ahimè!
i piedi sono asciutti come legni,
per quel ch'io veggo, e non degni di me -.

Un can, mentr'ei si duole,
uscendo a un tratto, tronca le parole.
Il Cervo presto, via,
nei boschi per un pezzo si fuggìa.
Se non che noia e danno
le belle corna a un bel fuggir gli fanno,
inutil benefizio
che in testa gli regala il Cielo ogni anno,
e che de' piedi intralciano il servizio.

Questo Cervo, che si specchia
alla fonte, ti fa prova
di non poche genti insane,
che disprezzan ciò che giova
per amor di cose vane.



Pubblicità
Questo spazio permette al sito di continuare ad offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti!

Commenti
Condividi la questa fiaba con i tuoi amici Facebook e invia i tuoi commenti all'autore!




I consigli di lettura di Amazon

Tutti i libri del catalogo Amazon attinenti alla fiaba che hai appena letto.

Clicca sulla copertina per saperne di più!

Il falò delle vanità  La fiera delle vanità: Romanzo senza eroe (Oscar classici)  Ecclesiaste Vanità delle Vanità (la traduzione classica)  1498. Savonarola dal falò delle vanità al rogo (i Robinson / Letture)  La Fiera delle Vanità (eNewton Classici)  La fiera delle vanità  La fiera della vanità (I grandi romanzi)  La fiera delle vanità  La fiera della vanità  La fiera della vanità